SA SEADA

SA SEADA

La savada é un dolce di formaggio racchiuso in una sfoglia di semola e strutto. A seconda della zona della Sardegna assume nomi diversi: seada, sebada, seatta, sevada, sabada, casgiulata
Nelle case barbaricine si usa chiudere le seadas con “s’arroddonza”, la rotella apposita utilizzata anche per ritagliare i ravioli.  Ci sono varie versioni sia nei diversi paesi del nuorese sia nelle famiglie. La ricetta originale, secondo alcuni, non aveva il limone. Si possono congelare senza problemi e si friggono ancora congelate.

 

Category dolci
Usage seadas
Prep 48 hours
Cottura 0 hours
Pronto in 0 hours

Ingredienti

500 gr. di formaggio pecorino fresco
500 gr. di semola rimacinata
100 gr. di strutto
acqua
sale
scorza di limone
1 pizzico di sale
olio di semi
miele o zucchero

Preparazione

  1. Mettere la semola nella spianatoia e formare la conca.
  2. Aggiungere lo strutto a pezzetti, il sale e la scorza grattugiata del limone. Impastare. Se l’impasto risultasse troppo duro aggiungere acqua.
  3. Creare una palla, avvolgerla in un panno e farla riposare mezz’ora. Nel frattempo far sciogliere il pecorino a fiamma bassa.
  4. Aggiungere poca semola. Quando il formaggio filerà toglierlo dal recipiente e stenderlo su carta forno. Stendere la sfoglia sottilissima e ricavare, con un coppapasta, un numero pari di cerchi. Ritagliare con un coppapasta più piccolo dei cerchi dal formaggio. Posizionare su metà dei dischi di sfoglia i dischi di formaggio e la scorza grattugiata dei limoni. Poggiare sopra i dischi di pasta rimasti.
  5. Chiudere i bordi, prima leggermente umettati, premendo bene per eliminare l’aria e premendo con i rebbi di una forchetta.
  6. Friggere in abbondante olio caldo sui due lati sino a che non saranno dorate, avendo cura di non spaccarle per evitare la fuoriuscita del formaggio.
  7. Servire caldissime ricoperte di miele con una spolverata di scorza di limone grattugiata

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *